BLACK and WHITE OUTFIT

white_coat

Un’altra settimana si sta per concludere e finalmente è arrivato il week-end per fare un giro in centro e vedere qualcosa di bello. Durante la settimana mi divido tra casa e ufficio, ogni tanto palestra, e spesso mi trovo a fare trasferte di lavoro in Italia e all’estero. Perciò è sempre difficile trovare tempo per rilassarsi e fare qualche scatto di outfit! Prima di oggi non avevo trovato nemmeno il tempo di fare un giro per i saldi, voi avete acquistato qualcosa? Io nada de nada, gli ultimi acquisti li ho fatti per Capodanno e ve li mostrerò presto in un nuovo look. :)
Continua a leggere

Max Mara, il cappotto

max_mara_coat

Non esito a dire che per me il cappotto da donna ha un nome, e quel nome è Max Mara.
Questo non significa che non mi piacciano cappotti di altre marche, tra i miei preferiti ci sono i cappotti Fay che hanno una linea molto pulita e moderna (anche se trovo che i tessuti non abbiano la morbidezza di quelli Max Mara) e il mio ultimo acquisto (che adoro!! *-*) è un cappotto Ralph Lauren color panna che non passa di certo inosservato (non mancherà un post perché ho ricevuto davvero tanti complimenti per questo capo!).
Ma quanto ad eleganza, qualità e capacità di resistere al passare delle mode credo che pochi possano competere con Max Mara.
Continua a leggere

Outfit blu notte, nero e giallo al Teatro Alighieri

Immagine 1096_ok_rid

Ieri abbiamo colto alcune ore di sole splendido per fare qualche scatto in giro per Ravenna.
Era qualche tempo che avevo in mente questo outfit con uno dei miei abiti preferiti ma non trovavo mai la giornata giusta per indossarlo.

Continua a leggere

Una borsa, un’icona: Chanel 2.55

chanelnera

La Chanel 2.55 rappresenta l’essenza della stilista francese Coco Chanel e del suo concetto di eleganza che ha avuto portata rivoluzionaria nella storia della moda femminile.
Chanel infatti ha liberato la donna di sontuosi e ingombranti abiti, dei bustini e dei fronzoli ottocenteschi in favore di modelli piu’ lineari e comodi, abiti che rispondessero all’esigenza di donne piu’ dinamiche e che all’inizio del Novecento si videro costrette a sostituire nelle questioni lavorative i mariti impegnati al fronte.
Continua a leggere